#ambiente

Così vogliamo salvare il pianeta!

Con la sua determinazione, la studentessa svedese Greta Thunberg è riuscita ad attirare l’attenzione dei media su una crisi non più procrastinabile: il climate change. La sua protesta contro l’indifferenza della politica globale al problema delle emissioni inquinanti, dei gas serra, del surriscaldamento del pianeta che mettono a rischio il futuro di intere generazioni, ha smosso talmente le coscienze dei cittadini che è stato istituito per il 15 marzo il Global Strike for the Future: manifestazioni in tutto il mondo per dire che il nostro Pianeta va rispettato e che i nostri stili di vita devono virare verso la sostenibilità, perché se così non sarà i ragazzi di oggi e di domani non avranno risorse naturali a disposizione.
Fondazione Cariplo condivide da anni questi temi e, per dare idea del suo impegno, solo nel 2017 si è impegnata con oltre 19 milioni di euro per la tutela dell’ambiente e nella lotta al cambiamento climatico.

In particolare diversi strumenti erogativi di recente hanno sostenuto azioni di mitigazione e adattamento soprattutto in ambiti come la tutela del patrimonio naturale, l’agricoltura e, non da ultimo, il rafforzamento della resilienza dei territori.

In ambito energetico, con il bando “Comuni efficienti e rinnovabili” (2014-2016) la Fondazione ha sostenuto le amministrazioni pubbliche nella realizzazione di interventi finalizzati all'efficienza energetica di edifici e impianti di illuminazione e all’integrazione delle fonti rinnovabili nell’ambiente costruito, evitando la produzione di 16.000 tonnellate di CO2 /anno. Anche con il progetto “Territori virtuosi” (2017-2018), le amministrazioni pubbliche e gli enti non profit stanno  evitando l’emissione di ulteriori 14.500 tonnellate di CO2 annue.

È dell’anno scorso il progetto “ClimaMi” a cura della Fondazione Osservatorio Meteorologico Milano Duomo #conFondazioneCariplo attraverso cui si vuole rispondere alla scarsa qualità e quantità di dati e indicatori climatici per l’area urbana e il basso livello di consapevolezza e aggiornamento professionale da parte dei progettisti. Per la progettazione architettonica e urbanistica e per la gestione delle criticità meteorologiche, nell’ottica dell’adattamento al cambiamento climatico questi dati sono infatti necessari.

Ma non c’è battaglia che si rispetti senza conoscenza, e quindi in ottica di comunicazione innovativa e di coinvolgimento dei cittadini sul consumo sostenibile, economia circolare e lotta ai cambiamenti climatici, Fondazione Cariplo collabora con la Fondazione punto.sud per il progetto “NO PLANET B Lombardia, Novara, Verbano-Cusio-Ossola”: l’iniziativa si inserisce nell’ambito del più ampio intervento triennale ‘There isn’t a PLANet B! Win-win strategies and small actions for big impacts on climate change’, avviato nel novembre del 2017 e co-finanziato dalla Commissione Europea nel quadro del programma DEAR (Development Education and Awareness Raising).

correlate

ambiente

Metropoli agricole

Agricoltura più sostenibile? Serve cambiamento nella PAC

Dal convegno Metropoli Agricole di Milano un appello per una radicale riforma della Politica Agricola Comune post 2020
Leggi tutto